Rita Stutz alla sua personale con la critica d'arte Marinelli